Bonus Bollette 2022

Informazioni Generali

  • 06/05/2022 - 30/06/2022

Il bonus luce e gas ha subito grandi cambiamenti, a beneficio delle famiglie italiane

Il bonus sociale luce e gas, conosciuto anche come bonus bollette, è una misura di aiuto alle famiglie bisognose. Si tratta di uno sconto che viene applicato direttamente sulle bollette dell’energia elettrica e del metano agli aventi diritto, garantendo un notevole risparmio sulle bollette.

Tuttavia, esiste molta confusione su questo bonus e molti cittadini non sanno bene chi può averne diritto e come farne richiesta. Scopriamo insieme a chi spetta il bonus, come viene erogato e a quanto ammonta.

Bonus Bollette con ISEE fino a 12.000 euro dal 1° Aprile

La più grande novità introdotta dal governo con il decreto bollette è proprio l’innalzamento della soglia ISEE, che è passata dai precedenti 8.256 euro a ben 12.000 euro, andando così ad includere circa un milione di famiglie in più (secondo i dati ufficiali comunicati da ARERA).

L’innalzamento della soglia (che dovrebbe essere temporaneo, dal 1 Aprile 2022 al 31 Dicembre 2022) è stato ritenuto opportuno dal governo per combattere i gravi effetti sulla popolazione dei rincari energetici, con incrementi dei costi per l’energia e il riscaldamento che hanno impoverito pesantemente le famiglie italiane, riducendone il potere di acquisto. Oltre all’aumento della platea di beneficiari, il governo ha stanziato maggiori fondi rispetto agli anni precedenti, in modo da raggiungere l’obiettivo di annullare gli effetti dei rincari per le famiglie aventi diritto.

In breve, il bonus sociale bollette luce, gas e acqua spetta a:

  • Famiglie con ISEE non superiore a € 12.000
  • Nuclei familiari con almeno 4 figli a carico e ISEE non superiore a € 20.000
  • Famiglie con disagi fisici che, a causa dell’utilizzo di apparecchiature elettromedicali, sono costrette a sostenere importanti spese
  • Soggetti affetti da gravi malattie
  • Titolari di reddito o pensione di cittadinanza.

Ricordiamo che l’indicatore ISEE valuta “la ricchezza” del nucleo familiare, valutando parametri che vanno oltre il solo reddito netto familiare. Inoltre, il valore dell’ISEE scende notevolmente all’aumentare dei componenti del nucleo familiare. Secondo i dati ISTAT, circa 5,2 milioni di famiglie hanno un indicatore della situazione economica ISEE inferiore ai 12.000 euro.

Retroattività dell’Applicazione del Bonus Bollette

Inoltre, con il Decreto Aiuti di maggio, il governo ha confermato la retroattività dell’applicazione del bonus sociale bollette. Cosa vuol dire? Semplicemente che chi ha fatto la richiesta di attestazione ISEE nei primi mesi dell’anno (prima che venisse promulgato l’allargamento della platea) non dovranno rifare la richiesta dell’ISEE per ottenere il bonus.

Il problema era stato sollevato dall’ARERA proprio per evitare di intasare i centri di assistenza fiscale e per evitare un aggravio di costi per l’INPS.

Bonus bollette 2022: a quanto ammonta?

L'obiettivo che il Governo si propone con questo intervento, è quello di ridurre il peso sulle famiglie dell’aumento dei costi energetici, collegati all’incremento del costo del gas causato in una prima fase dalla ripresa Post Pandemia e, successivamente, accentuato dalla guerra in Ucraina. 

Il Governo italiano ha quindi deciso di stanziare dei fondi per compensare il più possibile questo aumento di spesa.

L'importo del bonus in bolletta sarà di circa 900 euro a famiglia, suddivisa in uno sconto di circa 300 euro sulla bolletta elettrica e 600 su quella del gas naturale.

Coloro che non hanno una fornitura di gas metano beneficeranno solo del bonus sulla bolletta elettrica per un importo di circa 300 euro.

Come si richiede il Bonus Bolletta 2022?

Molti si chiedono come funziona il bonus sociale luce e gas e come fare richiesta. Da luglio 2021 il Bonus Bollette è automatico. In pratica, è sufficiente compilare la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) per la richiesta di elaborazione dell’ISEE per attivare la procedura di accredito dello sconto su luce, gas e acqua.

La richiesta di elaborazione dell’ISEE e, dunque, la compilazione della DSU, può essere effettuata:

  • presso un qualunque centro di assistenza fiscale CAF (la richiesta è sempre GRATIS per il cittadino, i CAF non sono autorizzati a richiedere denaro per la richiesta)
  • direttamente sul sito INPS
  • presso una sede INPS sul territorio

Sarà l’INPS stessa, dopo aver verificato i requisiti, a trasmettere i dati al Sistema Informativo Integrato SII, che comunicherà i dati ai vari gestori energetici per consentire loro di applicare lo sconto all’emissione delle fatture.

 

 

torna all'inizio del contenuto